Giardino delle Tuileries

Il Giardino delle Tuileries ha una lunga storia di trasformazioni, abbandono e infine rinascita a causa di guerre, rivoluzioni e sovrani ma oggi è il luogo amato dai parigini per rilassarsi.

Questi magnifici giardini reali, che comprendono ben 28 ettari di parco, furono voluti da Caterina de’ Medici come giardino del Palazzo delle Tuileries nel 1564.

In seguito i giardini subirono una serie di rinnovamenti, ampliamenti e modifiche in base ai gusti e alle necessità dei sovrani che si susseguirono.

La storia dei giardini

Caterina volle giardini all’italiana per ricordarle Firenze e organizzare sontuose feste in onore degli ambasciatori, Enrico IV preferì piantarvi alberi di gelsoi per coltivare i bachi da seta e creò dei giardini completamente rinnovati, Luigi XIII, ancora bambino, li utilizzò come un immenso parco giochi con serragli e scuole di equitazione, dopo 40 anni di abbandono fu Luigi XV a rimmetterlo in sesto ma con la Rivoluzione Francese il parco venne trasformato nel Jardin National e riprogettato in chiave neoclassica con portici romani, monumentali e colonne in stile.

Fu solamente a partire dal XIX secolo che le Tuileries diventarono il luogo preferito dai parigini: immortalato anche nei quadri impressionisti, il parco divenne la cornice ideale del nuovo tempo libero, un posto in cui rilassarsi, incontrare amici, passeggiare e amare la natura.

Dopo guerre, rivoluzioni, sovrani e imperatori, oggi il parco è nuovamente uno di quegli angoli imperdibili di Parigi con la bella stagione e in autunno quando i colori sono al massimo dell’esplosione.

Mappa

Alloggi Giardino delle Tuileries

Cerchi un alloggio in zona Giardino delle Tuileries?

Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Giardino delle Tuileries
Mostrami i prezzi